Prati, castelli, storia e birra…arriviamo Kilkenny!!

1 10 2012

Sicuramente molti hanno già sentito questo nome, non tanto per il paesino forse, ma per il nettare rosso che porta questo nome!!

Qui a Kilkenny infatti viene prodotta una irish red ale molto famosa e buona. Anzi in verità le birre prodotte sono diverse, ma le più famose sono appunto la Kilkenny e la Smithwick’s Draught, entrambe di colore rosso rubino, ma di sapore differente.

La sorpresa entusiasmante è stata scoprire questo borgo fantastico, immerso nella storia, quasi fosse rimasto al medioevo, con il suo fantastico castello con un parco meraviglioso, le sue stradine, la St. Mary Cathedral , la Black Abbey, la St Canice’s Cathedral con il suo cimitero e la torre rotonda e il vecchio edificio del municipio detto Tholsel, dove fu bruciata la strega di Kilkenny, Dame Alice Kyteler, una delle prime donne condannate per stregoneria in Europa. (Mappa del percorso in auto)

Un’attrazione della citta è il suo Castello, con il parco e i giardini che lo circondano. Un posto incantevole, dove il tempo sembra fermarsi, dove il rumore non esiste e il ricordo del traffico caotico di Roma, svanisce come fosse qualcosa di mai esistito!

Ci siamo concessi una lunga passeggiata fino ad arrivare in fondo al parco dove abbiamo scoperto un laghetto con i cigni e le paperelle, per poi tornare indietro, scollinando attraverso immensi prati di un verde mai visto prima.

Usciti dal castello ci siamo diretti verso un famoso ed enorme pub di Kilkenny, il Matt the Millers, dove abbiamo mangiato ottime zuppe, costolette spettacolari e ovviamente bevuto la strepitosa Kilkenny!! Ma i dettagli culinari li riserviamo ad altra sede…abbiate fiducia, ne parleremo presto!! Ah dimenticavo…fanno una Cheese Cake al Baileys che…non ne abbiamo più mangiato di uguali!

Per il dopo cena ci siamo concessi una passeggiata per il borgo, visitando la St Canice’s Cathedral  e la St.Mary Cathedral, gustandoci la magia medioevale di Kilkenny di notte!!

Dopo lo Hook Head e Kilkenny, andiamo a nanna,  domani si partirà per Cork…

Le nostre valigie erano di nuovo ammucchiate sul marciapiede; avevamo molta strada da fare. Ma non importava, la strada è la vita.

Jack Kerouac





Rotolando verso Sud…Hook Head…

1 10 2012

E’ la mattina del 4 Agosto e dopo una colazione da dinosauri ( a breve vi spiegherò la nostra dieta Irlandese!!) saliamo in macchina alla volta del sud per ammirare il più antico faro d’Europa…l’Hook Head. Abbiamo preso la M9 direzione Waterford  per poi passare attraverso New Ross e da qui con la R733  abbiamo proseguito verso sud fino a trovare le indicazioni(chiare e numerose) che portano al faro. (Mappa del percorso in auto)

La giornata è tipicamente Irlandese, pioggerellina fine alternata a sole  e nuvole. Arrivati in vista del mare, comprendiamo appieno le parola dei Modena City Ramblers…”Un vecchio compagno ti segue paziente, il mare si sdraia fedele ai tuoi piedi,
ti culla leggero nelle sere d’inverno, ti riporta le voci degli amanti di ieri.” Il paesaggio è fantastico, ma il meglio deve ancora arrivare! La costa è molto frastagliata e le varie insenature regalano scorci o “squarci” per usare le parole di Mattia, davvero fantastici. Ogni angolo sembra una cartolina e le soste iniziano a diventare sempre più numerose. Lungo la strada ci fermiamo ad ammirare chiesette diroccate con i classici cimiteri celtici, molto suggestivi. Il profumo del mare è intenso, l’aria frizzante, il blue del mare profondo, il sole ci scalda leggermente…i nostri sensi iniziano a godere!!

Il faro di Hook Head, è il più antico, intatto ed operante faro d’Europa. Si racconta che dal V secolo, qui i monaci accendessero un fuoco di segnalazione e che i primi invasori vichinghi apprezzarono così tanto la luce guida che decisero di non attaccare i monaci in segno di ringraziamento. E’ possibile fare un piccolo tour del faro e delle nuove strutture, così da ammirare uno scenario mozzafiato da sopra la terrazza della lanterna. Il costo va dai 6€ per gli adulti, scendendo a 3,5€ per i bimbi e 4€ per gli studenti.  Merita veramente di essere fatto, anche perchè avrete modo di conoscere gli attuali ragazzi che manutengono e curano il faro.

Dal faro siamo ripartiti in direzione Kilkenny…

Ma i veri viaggiatori partono per partire e basta: cuori lievi, simili a palloncini che solo il caso muove eternamente, dicono sempre “Andiamo”, e non sanno perchè. I loro desideri hanno le forme delle nuvole. 

Charles Baudelaire








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: